MURETTI A SECCO

La dicitura “pietra a secco” è posta ad indicare come gli elementi che costituiscono il muro di sostegno siano sistemati l’uno vicino all’altro senza l’uso di
malte che facciano da legante.

muri a secco

muri secco

2013-11-24 14.29.35Le fasce liguri sono famose in tutto il mondo: come non riconoscere il tipico panorama dei promontori terrazzati a picco sul mare delle CINQUE TERRE o del POGGIO DI SANREMO

In molti siti archeologici liguri sono stati rinvenuti muretti a secco appartenenti all’età del ferro, ma sappiamo che i terrazzamenti si diffusero a partire dall’epoca della conquista romana, attraverso il medioevo e l’età dei Comuni per arrivare al periodo di massima espansione, tra il 700 e l’800, espansione dovuta principalmente alle esigenze dettate alle coltivazioni tipiche come la vite e l’olio.

Nel 900 si è assistito ad un progressivo spopolamento delle campagne cosicché anche i terrazzamenti hanno subito fenomeni di degrado.

Le fasce e i terrazzamenti funzionano anche come protezione degli insediamenti umani dallo scorrimento incontrollato di fiumi e ruscelli, poiché i gradoni realizzati sui versanti delle colline rallentano l’errosione naturale delle montagne. L’abbandono delle fasce e la mancata manutenzione dei muretti a secco ha reso oggi più precario il controllo delle acque dei ruscelli montani esponendo i versanti a rischio di frana, vegetazione infestante e degrado ambientale.

Una risposta a “MURETTI A SECCO

  1. Pingback: Sulle terrazze liguri, a scuola di muretti a secco | Buongiorno Liguria·

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...